TerrediSiena Ultramarathon 50 Km

Siena arrivoSiena, Domenica 25 Febbraio 2018 - "Benvenuta Stefania nel mondo delle Ultra-Libertas" (ndr)

Una ULTRA, un sogno che da troppo tempo stava nel cassetto e quale migliore occasione se non pensare di farla su un percorso a me molto caro e in compagnia del migliore esperto di gare ultra, Roberto, già finisher del Tor.

Quindi… detto fatto… iscrizione alla Ultramaratho di Siena, 50Km. Un percorso meraviglioso tra la campagna della Val d’Elsa e del Senese, attraverso i borghi medioevali. Partenza dalle Torri di San Gimignano e arrivo in Piazza del Campo di Siena, un percorso nella storia con un panorama mozzafiato.

Dopo due intensi mesi di preparazione, a mettere a dura prova la partecipare a questa gara le previsioni del tempo: neve e vento gelido. In aggiunta comunicato dell’organizzazione che obbliga tutti i runners ad indossare abbigliamento specifico per il clima gelido e l’inserimento di un “cancello” a Monteriggioni con pullman per il trasporto di chi non sarebbe arrivato in tempo  o chi si fosse sentito male! Comunicati stampa che consigliano di non muoversi e previsioni di clima da orsi.

Ma la determinazione è più forte, sono sicura che potrò farcela , in più ho accanto una persona esperta di gare endurance estreme, quindi con una buona dose di incoscienza e di  “follia” mi presento alla partenza, dove un gruppo di oltre 600 runners con sorriso e tanta adrenalina in corpo è pronto per partire alla volta di Siena!  Che emozione poter essere sotto quello striscione! Un’emozione che le parole non sono in grado di raccontare, già essere lì è una vittoria!

E … start… si comincia! Freddo, pioggia e dal 15 Km tormenta di neve. Per la prima volta sono coperta con maglia termica e altra maglia a maniche lunghe (ho ascoltato i preziosi consigli), ma soprattutto indosso un sacchetto antipioggia che sarà un prezioso aiuto durante questa avventura.

Primo ristoro a 5 Km tra gli uliveti e i vigneti:  vedo un folto gruppo di persone che è ferma a bere, parlare, e poi con passo tranquillo ma deciso  prosegue questo “viaggio” nonostante il clima avverso. Mi sento finalmente in una dimensione che mi fa stare bene. Seppur con tanta difficoltà dovuta al clima, alle  gambe rigide per il freddo, alle dita ghiacciate, e al vento e alla neve sul viso, arriviamo Monteriggioni, al cancello, 1 ora e 15 minuti prima del limite massimo  e allora ci si ferma, si mangia si fanno le foto, si scambiano due parole e si riparte con il sorriso.

Via alla volta di Siena, mancano solo 18 km! Che vuoi che siano… meno di una mezza!

Si  continua sempre con lo stesso spirito leggero e sempre con il sorriso, nonostante la durezza del clima, fino ad arrivare al cartello con l’indicazione SIENA! In quel momento adrenalina a palla e lacrime agli occhi, mancano solo 4 km… E’ fatta!

Ci godiamo anche il ristoro del Km 47.5, Antiporto di Camollia, fortificazione antistante l’ingresso a Siena e subito dopo ecco Porta Camollia, e il suo motto ‘COR MAGIS TIBI SENA PANDIT’ (Siena ti apre un cuore più grande… della porta che stai attraversando ) !

Per poi entrare nella via di ingresso del Corteo Storico del Palio di Siena in Piazza del Campo, con la neve che scende e il cuore che sta toccando il cielo dall’emozione. Questo cercavo! Che emozione meravigliosa, credo in assoluto una tra le più belle che ho mai provato.

E “volando” con i piedi ma soprattutto con il cuore, oltrepasso il tappeto dei 50 Km. Fisicamente come se avessi fatto una lunga ma piacevole passeggiata ma già pronta per ripartire un altro “viaggio” così speciale.

Un grazie sincero a Roberto che mi ha aiutato e mi ha supportato / sopportato per tutta la gara e anche nei duri allenamenti precedenti, grazie anche ai miei soci che mi hanno sostenuto seppur a distanza e non hanno mai smesso di credere in me  e un grazie speciale a chi dal cielo mi è stata vicina.

Stefania F.

 

UA-44686231-1