2015-05-03 6 ORE AL PARCO ADDA-MALLERO (SO)

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Sondrio - Domenica 03 Maggio 2015 - L'ultimo LLL... (-28gg)

Giornata coperta, temperatura ideale. Alle 8:00 il parco "Bartesaghi" inizia ad animarsi di staffettisti per la 6x1h e di ultramaratoneti per la 6 ore individuale.

Percorso da 1Km e 400 da ripetere 40 volte... e poi chi ne ha più ne metta.

Alle 9:00 puntuali si parte, con noi anche Lidia che seguirà Lorena per almeno 20km, per poi dedicarsi al rifornimento borracce del marito e, correndo da una parte all'altra del parco, a fare il tifo a tutto il nostro team.

Nonostante il ricco e sempre fornito ristoro offerto dall'organizzazione, io e la "coppia di ferro" Roberto e Lorena, abbiamo pianificato ogni 4 giri un rifornimento personale con tanta acqua, zuccheri liquidi e sali, mentre Antonello e Gianfranco si affidano a cibi più tradizionali (frutta e uvetta).

All'inizio sembra tutto facile, poi la monotonia e la fatica sembrano prendere il sopravvento, il tempo sembra non finire mai... il cronometro batte le ore e i minuti ad ogni passaggio dal via...

Lo speacker ad ogni giro comunica i nostri nomi e le ultime ultramarathon che abbiamo corso... alla fine il nome Libertas verrà ripetuto quasi 200 volte (40 giri di media per 5 runner).

Allo scadere di ogni ora numerosi staffettisti si passano il testimone... corrono molto più veloce di noi e quasi sempre passando ci fanno i complimenti per la nostra tenacia di correre senza sosta per così tanto tempo... sensazioni uniche che in certi momenti ti scaldano davvero il cuore, rifondendo nuova energia a tutto il corpo.

Finalmente dopo quasi tre ore, la mente si stacca dalla realtà... i pensieri volano altrove e la fatica dell'ultima 50Km di Romagna (...sono passati solo 8 gg) sembra a tratti svanire, saranno le endorfine che ci stanno drogando il cervello.

...2 ore, 3 ore, 4 ore, 5 ore, anche questa fatica sta per finire, mancano ad occhio e croce 8 giri (11,2 Km)... purtroppo tutto diventa più difficile e i rifornimenti passano da 1 ogni 4 giri a 1 ogni due giri... l'acqua bevuta sembra non bastare mai... 

Finalmente il momento tanto atteso: la consegna del gesso... al suono di sirena dovremo fermarci e marcare il numero del proprio pettorale sull'asfalto... già sembra cosa facile, ma ce la farò a piegarmi senza cadere inesorabilmente a terra? boh... vedremo...

L'ultimo giro, mancano poco pià di 9 minuti, devo fare più metri possibili... quando mi ricapiterà di fare questa follia??? Vedo Antonello poco più avanti, allungo, ...ho ancora forza di spingere... mi sembra una cosa impossibile, eppure accade, quando tutto sembra finito, il nostro corpo riesce a dare ancora di più... l'illusione finisce ben presto... un crampo lancinante al polpaccio destro,  quasi cado lungo disteso... a fatica mi trascino al traguardo per fare gli ultimi 651 mt con Lidia che grida "non mollare"!!!

Oltre ad essere il gruppo più numeroso, abbiamo lasciato il segno, con Lorena che ha chiuso al secondo posto assoluto tra le donne... shapò!!!

Solo un piccolo rammarico per la mancanza di Salvatore, assente per... giustificati motivi religiosi.

Ci ritroviamo tutti alla linea di Partenza, indolenziti e distrutti, ma strafelici per aver portato a casa anche questa sfida. Il tempo per un ottimo piatto di polenta taragna, una salsiccia e una birra, ed è già l'ora di tornare a casa... con una bellissima sorpresa... alla stazione di Sesto FFSS un piccolo ma gradissimo ritrovo... con Renata, Franco e Riccardo, venuti per festeggiare la Lorena e tutto il gruppetto di ultrafondisti.

Dopo la 42 di Salsomaggiore, la 60 di Seregno, la 42 di Milano, la 50 di Romagna, adesso pure la 6 ore di Sondrio... con questa abbiamo fatto tutto quanto potevamo fare per preparaci al meglio alla nostra prossima sfida: la 100 Km del Passatore. Certo non è stato uno scherzo, ma insieme siamo partiti ed insieme arriveremo.

I nostri ringraziamenti a 2002 Marathon Club ASD per l'ottima organizzazione, per la logistica sempre perfetta e soprattutto per la polenta e le salamelle, davvero molto buone; infine un grossissimo grazie ai fotografi Peppo e Fabrizio di Podisti Valtellinesi per le bellissime e numerosissime foto fatte durante le lunghe ore di gara.

Gara certamente da ricordare e perchè no, anche da rifare.

Federico

CLASSIFICA 6 ORE INDIVIDUALE

 

UA-44686231-1