Eroica 15-18 Marathon

WhatsApp Image 2018 03 18 at 14.38.48Domenica 18 Marzo 2018 - Vittorio Veneto - Eroica 15-18 Marathon - Cento anni fa finiva la Prima Guerra Mondiale e a Vittorio Veneto, nel Trevigiano, va in scena la "Eroica 15-18 Marathon", la 42 km in edizione unica per rendere omaggio ai luoghi della Grande Guerra.

Sabato pomeriggio, subito dopo pranzo, parto con Luciano alla volta di Vittorio Veneto. Ci aspettano tre ore di auto e tanto per cambiare con il weekend e’ arrivata la pioggia ma non mi pesa, sono tre mesi che aspetto di fare questa gara, non ho grandi aspettative sui tempi, so di non essere preparata per una maratona cosi’ mossa (ho fatto solo due lunghi e quasi piatti) ma ho proprio voglia di correrla.

Arriviamo al Marathon Village, ritiriamo I pettorali… io per l’Eroica Marathon, Luciano per la Maratonina della Vittoria su cui ha dovuto ripiegare dopo l’influenza. Gia’ che ci siamo approfiattiamo per acquistare una paio di bottiglie di buon prosecco… non si puo’ tornare a casa senza !

Giretto in centro a Vittorio Veneto per perlustrare la zona di partenza/arrivo dove ci accolgono bandiere italiane spiegate e molto svolazzanti… ha smesso di piovere ma si e’ alzato un bel vento. Non male come sfondo per la gara dell’indomani, soprattutto se unito alla neve che vediamo neanche tanto in lontananza sulle colline circostanti.

Ci conforta il fatto che il nostro hotel sia davvero in una posizione strategica, praticamente a 200 mt dalla partenza ! Un attimo di meritato relax e poi cena presso il ristorante dell’albergo. I propositi sono buoni: pasta in bianco e pollo ai ferri con verdure grigliate poi pero’ io mi lascio tentare da un “assaggio” di fagioli all’uccelletto (con pomodoro e cipolla!!) e Luciano dalla porchetta veneta e dal dolce… ormai e’ fatta, non ci resta che dormirci su e sperare in bene.

Sveglia alle 6.00 per la colazione, questa volta non sgarro.

Verso le 8.45 ci prepariamo per uscire, giusto in tempo per fare qualche foto e assistere alla parata dei bersaglieri, molto scenografica. Ci siamo, alle 9.05 parte la maratona e alle 9.45 la mezza.

In griglia inizio a pensare seriamente (a 2 minuti dalla partenza… si fa per dire!) a come affrontare 31km di salita e 12km di discesa. Non capita spesso l’occasione di correre una maratona cosi’ mossa e paesaggistica, l’idea e’ quella di cercare di non scoppiare e di godermi a pieno il paesaggio.

Detto fatto, allo start non resisto alla tentazione di fare qualche metro a fianco di Re Giorgio (Calcaterra) che corre con I pacer delle 3h30…solo 500 mt poi rallento, altrimenti non arrivo neppure al km 10. I primi 10km  sono in salita e correrli a  5’00” non e’ uno scherzo (per me almeno), lascio perdere. Seguono altri leggeri saliscendi fino al km 21, le sensazioni sono buone ma mi lascio superare anche dai pacer delle 3h50, tempo (decisamente) troppo ambizioso per me, poi ho deciso di seguire il consiglio di Massini e correre a sensazione, senza guardare il Garmin, cos ache trovo, molto rilassante in un contesto cosi’ naturalistico.

Da qui ci sono circa 2,5 km di leggera discesa fino a Follina e poi fino al km 26 ancora dolci saliscendi. Qui inizia la "salita degli eroi", impegnativa considerando che si presenta a metà gara: circa 100 metri di dislivello in 1,5 km con una pendenza del 10%. Corro finche’ riesco poi mi rendo conto che salirei piu’ in fretta cammimando… allora cammino e intanto approfitto per bere un po’ di sali e mangiare un dattero gigante, li porto con me nel marsupio e saranno I miei integratori per tutta la gara.

La fatica e’ davvero tanta ma il bellissimo panorama ricompensa a pieno gli sforzi, cosi’ come il tifo caloroso che incontro in tutti I paesini.

Si prosegue con 2-3 km di leggeri saliscendi e dal 31° km in poi le salite lasciano spazio quasi solo a discese, che richiedono quasi piu’ concentrazione delle salite. Le gambe ormai sono cotte e lungo il percorso vedo diversi runners fermarsi con I crampi.

Al km 41 devo stringere I denti, un ultimo terribile strappetto in salita… poi finalmente il traguardo su un tappet tricolore. Luciano, che nel frattempo ha finito la mezza (prima uscita dopo 2 settimane di stop… complimenti!!)  si e’ gia’ cambiato ed e’ praticamente arrampicato sulle transenne a farmi il tifo e le foto (grazie !).  Ho chiuso in 4:00:44 , non male mi hanno detto (non ho termini di paragone) per una maratona mossa e decisamente sopra le mie aspettative ma soprattutto ho chiuso contenta… mi sono divertita !

Sabrina

UA-44686231-1